incentivi 2010 sull’acquisto di una nuova cucina

AGGIORNAMENTO DEL 7 APRILE 2010

 

 

IL MINISTRO  DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE   e con
IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA

DEL TERRITORIO E DEL MARE                     

Decreta:

( stralcio del decreto relativo alla sostituzione di cucine ed elettrodomestici)
 
                               Art. 1
 
                      Finalizzazioni del fondo
 
  1.  Le  risorse  del  fondo  di  cui  all’art.  4,  comma  1,   del
decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, di  seguito  denominato  «fondo»,
sono erogate  mediante  contributi  finalizzati  agli  interventi  di
seguito indicati, nei limiti massimi complessivi di spesa stabiliti:
    60 milioni di euro per  i  contributi  per  la  sostituzione  dei
mobili per cucina in uso con cucine componibili  ed  elettrodomestici
da incasso ad alta efficienza, nel rispetto  dei  requisiti  e  delle
modalita’ di cui all’art. 2 comma 1, lettera a);

 

Art. 2
  Contributi unitari

 

  a) per  il  10%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 1000 euro,  per  la  sostituzione  dei  mobili  per
cucina in uso con nuove cucine  componibili  ed  elettrodomestici  da
incasso ad alta efficienza aventi le seguenti caratteristiche:
      a.1) i nuovi mobili per cucina siano accompagnati dalla «scheda
prodotto» secondo quanto previsto dalla legge n. 126, del  10  aprile
1991 e decreto ministeriale 101 dell’8 febbraio 1997 e circolare  del
3 agosto 2004, n.  1  del  Ministero  delle  attivita’  produttive  -
«indicazioni per la compilazione  e  la  distribuzione  della  scheda
identificativa dei prodotti in legno e del settore  legno  -  arredo»
Gazzetta Ufficiale n. 187 dell’11 agosto 2005;
      a.2) i nuovi mobili per cucina rispettino quanto stabilito  dal
decreto del Ministero del  lavoro  della  salute  e  delle  politiche
sociali del 10 ottobre 2008  -  «disposizioni  atte  a  regolamentare
l’emissione di  aldeide  formica  da  pannelli  a  base  di  legno  e
manufatti con essi realizzati in ambienti  di  vita  e  soggiorno»  -
Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2008;
      a.3) la nuova cucina componibile sia corredata  di  almeno  due
dei seguenti elettrodomestici di classe energetica ad alta efficienza
e piu’ specificamente: frigorifero/congelatore in classe  A+  e  A++,
forno in  classe  A,  piano  di  cottura  a  gas  (se  inserito)  con
dispositivo di sorveglianza fiamma, lavastoviglie (se  inserita)  non
inferiore alla  classe  A/A/A  (A  di  efficienza  energetica,  A  di
efficienza di lavaggio, A di efficienza di asciugatura);
      a.4) la nuova cucina componibile sia gia’  predisposta  per  la
raccolta differenziata con la dotazione di contenitori appositi;
      a.5)  il  produttore  attesti  tramite   autocertificazione   o
dichiarazione l’ottemperanza dei requisiti  di  cui  ai  punti  a.1),
a.2), a.3) ed a.4);
      a.6) il venditore  dichiari,  tramite  autocertificazione,  che
l’acquisto e’ avvenuto in sostituzione di una cucina in uso;
      a.7) per gli elettrodomestici che non rientrassero nelle classi
energetiche  ad  alta  efficienza  specificate  al  punto  a.3),   il
rispettivo prezzo di acquisto non concorre a  formare  il  valore  in
base al quale viene calcolato il contributo;
    b) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 130 euro, per la sostituzione di lavastoviglie  con
analoghi apparecchi di  classe  energetica,  capacita’  di  lavaggio,
efficienza di asciugatura non inferiore alla classe A (A/A/A);
    c) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 80 euro, per la sostituzione di forni elettrici con
analoghi apparecchi di classe energetica non inferiore alla classe A;
    d) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 80 euro, per la sostituzione di piani  cottura  con
analoghi apparecchi dotati di dispositivo di sorveglianza  di  fiamma
(FSD);
    e) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 100 euro, per la sostituzione di cucine  di  libera
installazione con analoghe cucine di libera installazione  dotate  di
forno elettrico di classe A e piano  cottura  dotato  di  valvola  di
sicurezza gas (FSD);
    f) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 500 euro, per la sostituzione di cappe con analoghe
cappe climatizzate;

 

 

Scegli la tua nuova cucina navigando su www.areamobili.com

Aggiornamento 6 aprile 2010

Questo è il  Call center del  Ministero dello Sviluppo Economico per gli incentivi relativi all’acquisto (per sostituzione/rottamazione) di Cucine complete di elettrodomestici o elettrodomestici ad  alta efficienza energetica.

800.123.450 da rete fissa – chiamata gratuita -

e 199.123.450 da rete mobile,

dedicato ai consumatori, si apprendono importanti precisazioni rispetto agli incentivi dedicati a cucine ed elettrodomestici

 

Informazioni offerte da www.areamobili.com 

www.sartoriadeimobili.com

 

Aggiornamento del 26 marzo 2010

26 MARZO 2010 -E’ stato varato l’atteso decreto per concedere altri incentivi e benefici che riguarderanno un milione di famiglie.Il decreto -  E’ stato firmato dai ministri dello Sviluppo Economico Scajola con quello dell’ Economia Tremonti e dell’Ambiente Prestigiacomo.

Cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza

Come ottenere gli sconti. Bisognerà rivolgersi al rivenditore, che verificherà la capienza del bonus e comunicherà al consumatore la disponibilità dell’incentivo che diventerà uno sconto sul prezzo d’acquisto. Se i fondi sono esauriti, l’incentivo non scatta. Il decreto attuativo dello Sviluppo economico prevede che Poste Italiane attivi un call center ( al momento non ancora attivo) per fornire informazioni e ponga in essere tutti gli adempimenti necessari per far arrivare il bonus nelle mani del consumatore. A sua volta, il negoziante che intende praticare lo sconto compilerà un modulo elettronico riportato in un apposito sito del ministero, poi al momento della vendita, effettuata l’emissione dello scontrino fiscale, lo trasmetterà online al “centro di contatto” delle Poste. È prevista la revoca del contributo in caso di assenza dei requisiti previsti per usufruire dell’incentivo o se la documentazione da esibire per la fruizione del bonus è incompleta o irregolare.

Altra novità del decreto attuativo, rispetto alle notizie circolate finora, interessa le cucine componibili. Il bonus, infatti, scatterà solo se la nuova cucina sarà corredata da almeno due elettrodomestici ad alta efficienza, scelti fra frigorifero/congelatore in classe A+ e A++, forno in classe A, piano cottura a gas (se inserito) con dispositivo di sorveglianza fiamma, lavastoviglie (se inserita) in classe tripla A. Attenzione: se gli elettrodomestici non rientrano nelle classi energetiche ad alta efficienza, il prezzo di acquisto comunque non concorre a formare il valore in base al quale viene calcolato il contributo. I nuovi mobili della cucina devono rispettare le norme sull’emissione di aldeide formica e devono essere predisposti per la raccolta differenziata dei rifiuti. Specifica importante: qualora qualcuno (o tutti) gli elettrodomestici non rientrassero nelle classi energetiche ad alta efficienza, il rispettivo prezzo di acquisto non concorre a formare il valore in base al quale viene calcolato il contributo. 

Per la sostituzione di singoli elettrodomestici questa la tabella delle agevolazioni:

 

Elettrodomestici

50

·      20% del costo

·      fino a 130 euro (lavastoviglie)

·      fino a 80 euro (forni elettrici e piani cottura)

·      fino a 100 euro (cucine a gas)

·      fino a 500 euro (cappe climatizzate)

·      fino a 400 euro (pompe di calore per acqua calda)

Sostituzione vecchi apparecchi con

·        lavastoviglie non inferiore alla classe A/A/A

·        forni elettrici non inferiori alla classe A

·        piani cottura con dispositivo FSD

·        cucine libere con dispositivo FSD e forno elettrico non inferiore alla classe A

·        cappe climatizzate

·        pompe di calore con COP ≥ 2.5

 

Informazioni offerte da www.areamobili.com

 

Aggiornamento del 25 marzo 2010

Dalle ultime notizie, sempre in attesa del testo completo del decreto attuativo:

Ø      Il contributo ministeriale è previsto per l’acquisto, in sostituzione di mobili per cucina, di una cucina componibile  completa sia di elettrodomestici che di contenitore per raccolta differenziata rifiuti e correlata di scheda del produttore che attesti che i mobili rispettano  i limiti di emissione formaldeide previsti dalla legge.

Ø      Il beneficio viene riconosciuto al consumatore, sotto forma di sconto, pari al 10% del prezzo sino ad un massimo di 1.000 euro.

Ø      Il rivenditore deve: 1) verificare e/o autocertificare che si tratta di una sostituzione 2) verificare la disponibilità, tramite apposito sito delle Poste Italiane, della contribuzione 3) in caso di esito positivo, definita la vendita, inoltrare la documentazione alle Poste Italiane 4) ricevere il rimborso dello stesso, che verrà riconosciuto delle Poste Italiane, previa verifica della documentazione ricevuta.

 

 

20 marzo 2010: Incentivi solo per chi decide in fretta

Gli sconti ci saranno fino all’esaurimento dei fondi. Il che vuol dire che li otterrà chi arriva prima. Potrebbe diventare una vera e propria corsa all’incentivo, quella che si aprirà il 6 aprile con l’avvio delle misure di sostegno alla produzione varate dal governo venerdì. Quanto veloci bisognerà dunque essere per assicurarsi il bonus? Quanto dureranno gli incentivi? Stando ai primi calcoli chi ne vorrà usufruire non dovrà stare a pensarci su troppo. Secondo le previsioni fatte a botta calda dai rivenditori di motorini, la somma destinata al settore servirà ad agevolare al massimo 30 mila acquirenti e sarà esaurita entro 15-20 giorni. Per il comparto arredo, facendo una media i bonus da distribuire potrebbero interessare dalle 60 mila alle 100 mila famiglie, cioè, dice la FederlegnoArredo, una famiglia su tre di quelle che quest’anno decideranno di cambiare la cucina; facendo due conti  l’incentivo dovrebbe esaurirsi al massimo in quattro mesi.

 

Aspettiamo  il decreto attuativo per riuscire a capire qualcosa di più… Per ora sappiamo che:

Gli incentivi scatteranno il prossimo 6 aprile: Sarà poi il decreto attuativo a indicare “modalità di attribuzione delle risorse assegnate a ciascun settore e le modalità di erogazione dei contributio. I cittadini e le imprese  avranno a disposizione un call center che sarà gestito dalle Poste per ottenere tutte le informazioni pratiche necessarie. In generale i consumatori dovranno rivolgersi al rivenditore chiedendo di poter utilizzare l’incentivo. Il rivenditore verificherà la capienza dell’incentivo che diverrà uno sconto sul prezzo d’acquisto. Il rivenditore recupererà l’incentivo presso gli sportelli delle Poste. Prevederemo meccanismi per evitare fenomeni di accaparramento. Per l’acquisto di immobili è prevista la certificazione di efficienza energetica da parte dell’Enea”.

- CUCINA  FINO A 1.000 EURO SCONTO. E’ previsto un contributo, sotto forma di riduzione, “per il 10% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 1.000 euro, per la sostituzione dei mobili per cucina in uso con cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza”. 


- SCONTI PER LAVASTOVIGLIE E FORNI.
Se invece di cambiare la cucina si opterà per la sostituzione di un singolo elettrodomestico, è prevista una serie differenziata di sconti. La condizione è che si tratti di acquisti di elettrodomestici ad alta efficienza energetica e dotati delle più aggiornate misure di sicurezza.Per la sostituzione di lavastoviglie il contributo è pari al 20% fino a 130 euro (purché non inferiore alla classe A/A/A). Per i nuovi forni elettrici (non inferiori alla classe A) si arriva al 20% fino a 80 euro. Per i piani cottura (con dispositivo di sorveglianza della fiamma) 20% di sconto, fino a 80 euro. Per la sostituzione delle cappe con cappe climatizzate, il limite dell’incentivo è del 20% fino a 500 euro. Stessa percentuale, ma con un contributo massimo fino a 400 euro, anche per la sostituzione di scaldacqua elettrici con pompa di calore ad alta efficienza.

- SEMAFORO ROSSO SE FINISCONO I SOLDI. Lo sconto viaggerà sul web e una sorta di semaforo bloccherà gli incentivi non appena finiranno le risorse individuate dal decreto attuativo: così per chi arriva tardi potrebbe non scattare l’aiuto. E’ questo il meccanismo previsto dal decreto attuativo degli incentivi predisposto dal ministero dello Sviluppo Economico. In pratica il venditore dovrà collegarsi ad un apposito sito internet e fornire i dati identificativi e quelli dell’acquisto. Successivamente dovrà fornire le fotocopie dei documenti di identità e copie degli scontrini emessi. L’operazione sarà però “automaticamente inibita in caso di esaurimento delle disponibilità del fondo”.
 

Qualche informazione in più  (20 marzo ore 20.30) in attesa del testo del decreto attuativo

Mobili
Cucine componibili ad alta efficienza

La sostituzione dei mobili per cucina con cucine componibili ed elettrodomestici ad incasso ad alta efficienza viene finanziata con il 10% del costo (1.000 euro il singolo contributo massimo). Questo purché i nuovi mobili per cucina siano accompagnati dalla «scheda prodotto», rispettino le norme del ministero della Salute sulle disposizioni per «l’emissione di formaldeide» e siano corredate da elettrodomestici ad alta efficienza. Lo stanziamento complessivo è pari a 60 milioni di euro.

 INFORMAZIONI OFFERTE DA WWW.AREAMOBILI.COM

 

36 pensieri su “incentivi 2010 sull’acquisto di una nuova cucina

  1. Gli incentivi varanno solo per acquisti effettuati dopo il 6 aprile2010 : gli interessati potranno chiedere di usufruire dello sconto al rivenditore il quale prima di concludere la vendita potrà verificare, chiedendo ad un apposito call center che sarà attivato presso le Poste, la disponibilità dei fondi. E poi, nel caso positivo, applicherà l’incentivo che potrà recuperare sempre presso gli sportelli postali. Il call center dovrà comunque dare informazioni anche al consumatore.

  2. Buongiorno io avrei bisogno di un’informazione gli incentivi sull’acquisto della cucina valgono solo se uno la sostituisce o anche nel caso (come il mio) che la cucina la compra nuova per la prima volta? E poi un’altra cosa l’acquisto deve essere fatto solo dopo il 06/04/2010 per aver diritto agli incentivi?
    Grazie mille

  3. 23/03/2010
    Dolo dopo il 6 Aprile 2010 si potrà usufruire degli incentivi per l’acquisto di una cucina nuova o per la sostituzione degli Elettrodomestici
    Il 6 aprile 2010 primo giorno valido per sfruttare gli incentivi. Si andrà avanti fino all’esaurimento delle risorse stanziate per ogni singolo settore. Il consumatore dovrà “prenotare” l’acquisto del prodotto dal rivenditore, che verificherà via web la disponibilità residua di incentivi prima di concedere l’agevolazione. Se sarà tutto ok, si potrà effettuare l’acquisto usufruendo dell’agevolazione. Il rivenditore applicherà il contributo sotto forma di sconto al cliente e recupererà la somma agli sportelli di Poste Italiane. Secondo quanto annunciato, sempre le Poste metteranno a disposizione un numero verde per fornire informazioni pratiche relative al bonus. Il numero non è ancora stato comunicato. E’ chiaro che il bonus non è retroattivo, non si puo’ applicare a coloro che hanno già acquistato una cucina nuova anche se il mobiliere non l’ha ancora loro consegnata ed effettuato il montaggio. Attendiamo comunque il decreto attuativo per conoscere il numero verde e le modalità dettagliate da seguire.

  4. Allora ti illustro il mio caso: io ho acquistato dei mobili nuovi per la mia prima casa tra cui la cucina e sul totale di tutti questi ho pagato l’acconto (questo però nel mese di novembre 2009), il saldo lo faccio alla consegna dei mobili che avverrà a metà aprile, secondo te posso usufruire anch’io dell’incentivo saldando tutto dopo il 06 aprile nonostante l’acconto l’abbia versato di novembre?

  5. tecnicamente la risposta dovrebbe essere NO, l’acquisto dovrebbe avvenire dopo il 6 aprile 2010 e dopo aver verificato la disponibilità dei fondi.. Il decreto parla di acquisti effettuati dopo il 6 aprile, non di consegne effettuate dopo il 6 aprile. Attendiamo la pubblicazione del decreto attuativo ( con le regole e il numero del call center) per maggiori dettagli

  6. sono un rivenditore cucine.Dal 6 aprile so di questo incentivo.Ma il cliente il 10 x cento sull’importo della cucina aquistata,lo deve richiedere come sgravio fiscale,o noi rivenditori dobbiamo applicare suddetto sconto.Come si viene rimborsati? Poi se vendo ad aprile una cucina con consegna inizio anno 2011 come si ovvia??grazie.

  7. Attendiamo sempre di conoscere il contenuto del decreto attuativo (insomma le regole del ministero per accedere alle agevolazioni, il numero verde, l’indirizzo del sito web per verificare la copertura finanziaria ecc ecc) Sembra comunque che il rivenditore riconoscerà lo sconto previsto al cliente e in seguito Le Poste o l’ente preposto rimborserà il rivenditore. per quanto riguarda la seconda domanda (vendo ad aprile, consegno nel 2011) solo il decreto attuativo potrà darci una risposta.

  8. se lei sta sostituendo una cucina vecchia e acquistando quella in negozio , la risposta è SI (sempre che quella in negozio abbia elettrodomestici in classe A come previsto dalla normativa, predisposizioni per la raccolta differenziata e l’azienda produttrice possa darle il certificato per le emissioni di Formaldeide e che al momento dell’acquisto siano ancora disponibili fondi)

  9. Buongiorno non ho capito bene una cosa, gli incentivi sull’acquisto della cucina valgono solo se uno la sostituisce o anche nel caso (come il mio) che la cucina la compra nuova per la prima volta?
    Grazie mille

  10. Questo è il Call center del Ministero dello Sviluppo Economico per gli incentivi relativi all’acquisto (per sostituzione/rottamazione) di Cucine complete di elettrodomestici o elettrodomestici ad alta efficienza energetica.

    800.123.450 da rete fissa – chiamata gratuita -

    e 199.123.450 da rete mobile,

    dedicato ai consumatori, si apprendono importanti precisazioni rispetto agli incentivi dedicati a cucine ed elettrodomestici

  11. Grazie per le info che ho già acquisito. Vorrei chiedere se tutti i rivenditori di cucine hanno la possibilità di utilizzare lo sconto perchè alcuni rivenditori quali snaideo non me lo hanno proposto. Sto girando per fare dei preventivi e per me sarebe importante saperlo.
    Grazie ancora.

  12. La scelta spetta ai singoli rivenditori. Chi vorrà aderire all’iniziativa dovrà “accreditarsi” attraverso il numero telefonico messo a disposizione dal ministero e dopo il 15 aprile potrà offrire a chi “acquista una nuova cucina in sostituzione di una vecchia” la possibilità di accedere agli incentivi. Quindi la scelta spetta ad ogni singolo Punto vendita.

  13. vorrei avere delle informazioni, io sono un rivenditore di cucine ed elettrodomestici, avrei bisogno di sapre come funzionano questi incentivi o megllio, ho sentito che per aderire bisogna registrarsi dove non so…poi l’incentivo come dovro’ calcolarlo???e ancora una volta applicatolo sconto io quei soldi dove li recupero o come li recupero???inltre le aziende produttrici che mi forniscono le cucine in questo procedimento centrano qualcosa e cioè mi applicheranno loro uno sconto aprticolare per recuperare l’incentivo???scusate ma non so da dove iniziare se qualcuno si fa coraggio e mi aiuta ne sarei grato!!!!

  14. riportiamo di seguito le procedure utili ai rivenditori per prenotare e utilizzare i contributi sulle cucine componibili. In particolare le modalità di prenotazione dei contributi, di invio della documentazione e il dettaglio della procedura a carico dei rivenditori.

    COME PRENOTARE I CONTRIBUTI

    Dal 15 aprile al 16 maggio tramite il Call Center di Poste Italiane al numero 800 556 670 (da telefono fisso) dal lunedì al sabato, dalle ore 8.00 alle 20.00. Dal 17 maggio tramite http://incentivi2010.sviluppoeconomico.gov.it/

    Per prenotare i contributi occorre fornire:

    • Settore di appartenenza del prodotto venduto, es. “elettrodomestici”

    • Tipologia di prodotto, es. “lavastoviglie”

    • Prezzo del prodotto

    • Codice Fiscale o Partita IVA dell’acquirente

    COME INVIARE LA DOCUMENTAZIONE

    La documentazione da inviare al centro servizi per i riscontri previsti, non potrà essere inoltrata prima del 17 maggio.

    A partire dal 17 maggio tutti i venditori dovranno registrarsi al portale (anche nel caso abbiano effettuato la prima registrazione tramute call center) ed accedere ad un’area riservata tramite password inoltrata via telegramma. Tramite il codice identificativo della prenotazione, i venditori potranno quindi visualizzare i dati delle prenotazioni effettuate telefonicamente e confermarle sul portale web. Il Portale Web, guiderà il venditore nelle fasi di raccolta ed invio (tramite posta tracciata) della documentazione.

    A CURA DEL VENDITORE

    Prenotazione risorse

    La prenotazione sarà possibile solo dopo la sottoscrizione dell’ordine di acquisto e il versamento del relativo acconto, non inferiore al 10% del prezzo di vendita al netto del contributo.

    Il venditore dovrà fornire le seguenti informazioni:

    • identificativo venditore (già fornito dal call center dopo l’avvenuta registrazione)

    • settore di appartenenza del prodotto

    • estremi dell’acquirente (codice fiscale o partita IVA)

    • prezzo di vendita (al lordo di IVA e di contributo)

    Il call center, verificata la disponibilità economica e restituisce:

    - il valore del contributo

    - il codice identificativo della prenotazione effettuata

    Invio documentazione cartacea (da effettuarsi entro 90 giorni dalla prenotazione)

    L’inoltro potrà avvenire non prima del 17 maggio, dopo aver eseguito la nuova registrazione sul Portale Web ed aver confermato la prenotazione utilizzando il codice identificativo della prenotazione effettuata.

    Documentazione base

    • richiesta di rimborso contenente la ricevuta di registrazione e l’autodichiarazione, inclusa una Check list dei documenti allegati, compilabile e scaricabile dal portale, debitamente firmata

    • copia documento identità e codice fiscale del cliente o rappresentante legale per le imprese

    • copia delle fattura di acconto (che deve essere emessa entro 2 giorni dalla data di prenotazione)

    Documentazione aggiuntiva

    • copia dello scontrino fiscale o fattura a saldo

    • autocertificazione del venditore (suggeriamo di far compilare e firmare l’autocertificazione dal cliente) che attesti che la cucina è in sostituzione e non di primo impianto

    • documentazione attestante la dismissione dei beni sostituiti secondo le vigenti disposizioni di legge

    • autocertificazione/dichiarazione del produttore su: scheda prodotto della cucina redatta ai sensi di L. 126/91, DM 101/97 e circolare n. 1 del 2004 Min. Attività Produttive; conformità dei pannelli costituenti i mobili ai sensi del DM 10/10/2008 Min. Lavoro; presenza di almeno due elettrodomestici ad alta efficienza energetica; predisposizione dei mobili per la raccolta differenziata dei rifiuti

    • marca e modello e costo dei mobili della cucina e marca, modello e costo di ognuno degli elettrodomestici a incasso inseriti, con indicazione della classe energetica di appartenenza e caratteristiche di sicurezza (solo per i piani cottura);

    • dettaglio degli altri costi (ad es. trasporto, montaggio, dismissione)

    • autocertificazione dell’impresa acquirente relativa agli aiuti “de minimis”

    ATTENZIONE: fermo restando la presenza di almeno due elettrodomestici ad alta efficienza, per ulteriori elettrodomestici che non rientrino nelle classi energetiche ad alta efficienza richieste, il relativo prezzo di acquisto non concorre a formare il costo complessivo in base al quale viene calcolato il contributo.

  15. devo acquistare la cucina volevo sapere per ritirar la vecchia cucina come devo fare?la ritira direttamente quello dove compro la nuova o esiste un numero di telefono per contattare qualche centro? fatemi sapere con urgenza grazie il mio numero di tel.3392493990

  16. Non è ben chiaro cosa serva. Parlare con il call center (attivo da ieri 15 aprile) è impossibile, una voce registrata dice che gli operatori sono tutti occupati e prega di richiamare più tardi… ( ormai da 48 ore consecutive) Sicuramente la vecchia cucina correlata di vecchi elettrodomestici potrà essere smaltita presso la discarica della propria città di residenza. Il centro raccolta rifiuti dovrebbe rilasciare una ricevuta per certificare lo smaltimento. Se esistano moduli specifici al momento non so rispondervi.

  17. ho aqcuistato una cucina secondo le regole dell’incentivo a questo punto il mobiliere fa quello che deve per avere l’incentivo e a me chi mi dice se l’incentivo sono finiti i soldi oppure se li intasca il mobiliere? grazie

  18. Non conosco quali siano gli accordi con il suo mobiliere ma al momento dell’acquisto collegandosi al sito del ministero dovrebbe essere stato attribuito al vostro “ordine” un codice che garantiva la disponibilità del fondo incentivi. il mobiliere dovrebbe averle scontato l’importo dell’incentivo direttamente sul prezzo della cucina. A quel punto ovviamente il rimborso spetta al mobiliere e non a lei.

  19. Ho acquistato una cucina, oltre un mese fa ho dato un acconto e ieri ho saldato l’intero importo senza incentivo. Al momento della stipula del contratto di acquisto però il venditore mi aveva fatto fare tutta la procedura per l’incentivo (mancava solo il documento dello smaltimento della vecchia cucina). Ora che la cucina mi è stata consegnata il venditore mi ha fatto pagare l’intero importo e mi ha detto di attendere che la procedura andasse a buon fine, ma lui non avrebbe anticipato la somma dell’incentivo perchè se qualcosa fosse andato storto non avrebbe voluto rimetterci. Vi sembra tutto regolare? E’ possibile che il venditore si sia intascato il mio incentivo (anche senza il foglio dello smaltimento della vecchia)? Dopo quanto letto sopra non ci vedo molto chiaro. Grazie

  20. Non esise alcuna indicazione sul numro minimo di pezzi della cucina che occorre Rottamare. Occorre solamente dimostrare di aver consegnato alla discarica “la vecchia cucina (grande o piccola che sia) con gli elettrodomestici esistenti (tanti o pochi che siano)

  21. Salve, vi scrivo per chiedere aiuto a risolvere il mio probblema. Ho aderito alla campagna per la rottamazione della cucina componibile, presentando tutti i documenti relativi alla rottamazione eseguita presso un centro autorizzato, al venditore ma questi non mi ha fatto lo sconto ed a oggi non mi ha rimborsato i 1000euro che mi spettano.

  22. Buongiorno..
    Darle una risposta certa è davvero difficile non conoscendo cosa lei abbia concordato con il rivenditore.
    bisognerebbe accertarsi che
    - il rivenditore abbia aperto la pratica presso il ministero
    - che il ministero abbia autorizzato l’incentivo ( se si c’e’ un numero di pratica che lei puotrebbe farsi dare)
    - Noi generalmente facevamo la richiesta contestualmente all’acquisto della cucina. (ma ogni rivenditore è un mondo a se)
    - occorre verificare anche che gli elettrodomestici da lei acquistati e le caratteristiche tecniche della cucina da lei acquistata corrispondano a quelle previste dal decreto incentivi..

    So di non aver dato una risposta esauriente ma non conoscendo i dati della sua pratica “incentivi” purtroppo non le posso essere di maggior aiuto.

  23. “Salve a tutti, qualcuno di voi saprebbe dirmi se c’è uno che ha avuto il rimborso per gli elettrodomestici , io ho acquistato una cucina componibile maggio 2010 con valore superiore ai 15000 euro e quindi che rispettava quasi tutti i requisiti per ottenere il bonus ,il rivenditore ha fatto il furbo senza anticipare nulla e quindi io è da un anno che non so’ niente e quando gli chiedo info sul bonus dice che non si sa nulla ma io non ci credo e non c’è piu’ un numero di telefono per chiedere informazioni, se qualcuno riesce a dirmi qualcosa …Vi ringrazio anticipatamente.”

Lascia un Commento