Salone Satellite 2018 I vincitori della nona edizione

Salone Satellite 2018 I vincitori della nona edizione che ha affiancato il Salone del Mobile di Milano

salone satellite 2018

Con la fine del Salone del Mobile si è conclusa anche la nona edizione del premio award SaloneSatellite di quest’anno. Scopriamo chi sono i giovani de

 il SaloneSatellite crea l’opportunità di entrare in contatto con aziende e con il mondo del business, ecco perchè molti prototipi presentati alle edizioni del Salone sono entrati in produzione.
salone satellite 2018 africa america latina

Il tema di quest’anno AFRICA & LATIN AMERICA Rising Design / Design Emergente. Le due sezioni Africa e America Latina sono state affidate rispettivamente al designer marocchino Hicham Lahlou e ai designer brasiliani Humberto e Fernando Campana.

premio salone satellite 2018 cucina

Il primo premio è stato assegnato rigorosamente a un italiano, o meglio italo-brasiliano! Stefano Carta Vasconcellos con il progetto Cucina Leggera. Le caratteristiche di questo progetto sono la facilità di assemblaggio e costruzione dei sette elementi che la compongono, resa tale da un sistema ad incastro: niente più viti o ferramenta! L’economicità e la semplicità del materiale la rendono molto accessibile.

premio salone satellite 2018 secondo premio

Il secondo premio l’ha vinto il croato Tink Thigs con l’ononimo progetto Tink Thing dedicato ai bambini, alla loro sensorialità e alla progettazione di ambienti comodi e stimolanti per loro assecondando le loro necessità e le loro esigenze ludiche e sensoriali considerandoli non come piccoli adulti, ma come bambini. Offre loro stimoli per una crescita consapevole applicando prinicipi terapeutici.

premio salone satellite 2018 terzo premio

Il terzo premio è stato assegnato al giapponese Yuri Himuro con il progetto Soft Block. Un oggetto che si presenta come un nuovo pezzo di arredamento della casa, un arredamento più giocoso e costruittivo, lasciando spazio al divertimento e alla creatività di chi lo usa. La morbidezza e la duttilità che caratterizzano il materiale di cui è fatto lo rendono un prodotto non finito, o meglio un prodotto che ha infinte possibilità e sviluppi e che rendono il tessuto un materiale tridimensionale e modulare.