Modalita’di erogazione delle risorse del Fondo previsto dall’articolo 4 del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, per il sostegno della domanda finalizzata ad obiettivi di efficienza energetica, ecocompatibilita’ e di miglioramento

IL MINISTRO  DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE   e con
IL MINISTRO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA

DEL TERRITORIO E DEL MARE                     

Decreta:

( stralcio del decreto relativo alla sostituzione di cucine ed elettrodomestici)
 
                               Art. 1
 
                      Finalizzazioni del fondo
 
  1.  Le  risorse  del  fondo  di  cui  all’art.  4,  comma  1,   del
decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, di  seguito  denominato  «fondo»,
sono erogate  mediante  contributi  finalizzati  agli  interventi  di
seguito indicati, nei limiti massimi complessivi di spesa stabiliti:
    60 milioni di euro per  i  contributi  per  la  sostituzione  dei
mobili per cucina in uso con cucine componibili  ed  elettrodomestici
da incasso ad alta efficienza, nel rispetto  dei  requisiti  e  delle
modalita’ di cui all’art. 2 comma 1, lettera a);

 

Art. 2
  Contributi unitari

 

  a) per  il  10%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 1000 euro,  per  la  sostituzione  dei  mobili  per
cucina in uso con nuove cucine  componibili  ed  elettrodomestici  da
incasso ad alta efficienza aventi le seguenti caratteristiche:
      a.1) i nuovi mobili per cucina siano accompagnati dalla «scheda
prodotto» secondo quanto previsto dalla legge n. 126, del  10  aprile
1991 e decreto ministeriale 101 dell’8 febbraio 1997 e circolare  del
3 agosto 2004, n.  1  del  Ministero  delle  attivita’  produttive 
«indicazioni per la compilazione  e  la  distribuzione  della  scheda
identificativa dei prodotti in legno e del settore  legno   arredo»
Gazzetta Ufficiale n. 187 dell’11 agosto 2005;
      a.2) i nuovi mobili per cucina rispettino quanto stabilito  dal
decreto del Ministero del  lavoro  della  salute  e  delle  politiche
sociali del 10 ottobre 2008   «disposizioni  atte  a  regolamentare
l’emissione di  aldeide  formica  da  pannelli  a  base  di  legno  e
manufatti con essi realizzati in ambienti  di  vita  e  soggiorno» 
Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2008;
      a.3) la nuova cucina componibile sia corredata  di  almeno  due
dei seguenti elettrodomestici di classe energetica ad alta efficienza
e piu’ specificamente: frigorifero/congelatore in classe  A+  e  A++,
forno in  classe  A,  piano  di  cottura  a  gas  (se  inserito)  con
dispositivo di sorveglianza fiamma, lavastoviglie (se  inserita)  non
inferiore alla  classe  A/A/A  (A  di  efficienza  energetica,  A  di
efficienza di lavaggio, A di efficienza di asciugatura);
      a.4) la nuova cucina componibile sia gia’  predisposta  per  la
raccolta differenziata con la dotazione di contenitori appositi;
      a.5)  il  produttore  attesti  tramite   autocertificazione   o
dichiarazione l’ottemperanza dei requisiti  di  cui  ai  punti  a.1),
a.2), a.3) ed a.4);
      a.6) il venditore  dichiari,  tramite  autocertificazione,  che
l’acquisto e’ avvenuto in sostituzione di una cucina in uso;
      a.7) per gli elettrodomestici che non rientrassero nelle classi
energetiche  ad  alta  efficienza  specificate  al  punto  a.3),   il
rispettivo prezzo di acquisto non concorre a  formare  il  valore  in
base al quale viene calcolato il contributo;
    b) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 130 euro, per la sostituzione di lavastoviglie  con
analoghi apparecchi di  classe  energetica,  capacita’  di  lavaggio,
efficienza di asciugatura non inferiore alla classe A (A/A/A);
    c) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 80 euro, per la sostituzione di forni elettrici con
analoghi apparecchi di classe energetica non inferiore alla classe A;
    d) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 80 euro, per la sostituzione di piani  cottura  con
analoghi apparecchi dotati di dispositivo di sorveglianza  di  fiamma
(FSD);
    e) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 100 euro, per la sostituzione di cucine  di  libera
installazione con analoghe cucine di libera installazione  dotate  di
forno elettrico di classe A e piano  cottura  dotato  di  valvola  di
sicurezza gas (FSD);
    f) per  il  20%  del  costo  e  nel  limite  massimo  di  singolo
contributo pari a 500 euro, per la sostituzione di cappe con analoghe
cappe climatizzate;

 

 

Scegli la tua nuova cucina navigando su www.areamobili.com

 

Call center e numero verde per richiedere informazioni relative agli incentivi cucina e elettrodomestici

Questo è il  Call center del  Ministero dello Sviluppo Economico per gli incentivi relativi all’acquisto (per sostituzione/rottamazione) di Cucine complete di elettrodomestici o elettrodomestici ad  alta efficienza energetica.

800.123.450 da rete fissa – chiamata gratuita –

e 199.123.450 da rete mobile,

dedicato ai consumatori, si apprendono importanti precisazioni rispetto agli incentivi dedicati a cucine ed elettrodomestici

Informazioni offerte da www.areamobili.com

Incentivi sull’acquisto Cucina saranno riconosciuti solo per la sostituzione di Mobili o elettrodomestici per Cucina

Aggiornamento del 6 aprile 2010

Questo è il  Call center del  Ministero dello Sviluppo Economico per gli incentivi relativi all’acquisto (per sostituzione/rottamazione) di Cucine complete di elettrodomestici o elettrodomestici ad  alta efficienza energetica.

800.123.450 da rete fissa – chiamata gratuita –

e 199.123.450 da rete mobile,

dedicato ai consumatori, si apprendono importanti precisazioni rispetto agli incentivi dedicati a cucine ed elettrodomestici

 

Informazioni offerte da www.areamobili.com

Aggiornamento del 25 marzo 2010

Dalle ultime notizie, sempre in attesa del testo completo del decreto attuativo, sembra che:

Ø      Il contributo ministeriale è previsto per l’acquisto, in sostituzione di mobili per cucina, di una cucina componibile  completa sia di elettrodomestici che di contenitore per raccolta differenziata rifiuti e correlata di scheda del produttore che attesti che i mobili rispettano  i limiti di emissione formaldeide previsti dalla legge.

Ø      Il beneficio viene riconosciuto al consumatore, sotto forma di sconto, pari al 10% del prezzo sino ad un massimo di 1.000 euro.

Ø      Il rivenditore deve: 1) verificare e/o autocertificare che si tratta di una sostituzione 2) verificare la disponibilità, tramite apposito sito delle Poste Italiane, della contribuzione 3) in caso di esito positivo, definita la vendita, inoltrare la documentazione alle Poste Italiane 4) ricevere il rimborso dello stesso, che verrà riconosciuto delle Poste Italiane, previa verifica della documentazione ricevuta.

 

 

Informazione offerta da www.areamobili.com

 

Dal 6 Aprile 2010 si potrà usufruire degli incentivi per l’acquisto di una cucina o per la sostituzione degli Elettrodomestici

aggiornamento 6 aprile 2010

Questo è il  Call center del  Ministero dello Sviluppo Economico per gli incentivi relativi all’acquisto (per sostituzione/rottamazione) di Cucine complete di elettrodomestici o elettrodomestici ad  alta efficienza energetica.

800.123.450 da rete fissa – chiamata gratuita –

e 199.123.450 da rete mobile,

dedicato ai consumatori, si apprendono importanti precisazioni rispetto agli incentivi dedicati a cucine ed elettrodomestici

 

Informazioni offerte da www.areamobili.com 

www.sartoriadeimobili.com

Aggiornamento del 25 marzo 2010

Dalle ultime notizie, sempre in attesa del testo completo del decreto attuativo sembrerebbe che:

Ø      Il contributo ministeriale è previsto per l’acquisto, in sostituzione di mobili per cucina, di una cucina componibile  completa sia di elettrodomestici che di contenitore per raccolta differenziata rifiuti e correlata di scheda del produttore che attesti che i mobili rispettano  i limiti di emissione formaldeide previsti dalla legge.

Ø      Il beneficio viene riconosciuto al consumatore, sotto forma di sconto, pari al 10% del prezzo sino ad un massimo di 1.000 euro.

Ø      Il rivenditore deve: 1) verificare e/o autocertificare che si tratta di una sostituzione 2) verificare la disponibilità, tramite apposito sito delle Poste Italiane, della contribuzione 3) in caso di esito positivo, definita la vendita, inoltrare la documentazione alle Poste Italiane 4) ricevere il rimborso dello stesso, che verrà riconosciuto delle Poste Italiane, previa verifica della documentazione ricevuta.

Da quando si puo’ usufruire degli incentivi?

Come e quando?

Il 6 aprile 2010 primo giorno valido per sfruttare gli incentivi. Si andrà avanti fino all’esaurimento delle risorse stanziate per ogni singolo settore. Il consumatore dovrà “prenotare” l’acquisto del prodotto dal rivenditore, che verificherà via web la disponibilità residua di incentivi prima di concedere l’agevolazione. Se sarà tutto ok,  si potrà effettuare l’acquisto usufruendo dell’agevolazione. Il rivenditore applicherà il contributo sotto forma di sconto al cliente e recupererà la somma agli sportelli di Poste Italiane. Secondo quanto annunciato, sempre le Poste metteranno a disposizione un numero verde per fornire informazioni pratiche relative al bonus. Il numero non è ancora stato comunicato. E’ chiaro che il bonus non è retroattivo, non si puo’ applicare a coloro che hanno già acquistato una cucina nuova anche se il mobiliere non l’ha ancora loro consegnata ed effettuato il montaggio. Attendiamo comunque il decreto attuativo per conoscere il numero verde e le modalità dettagliate da seguire.

Incentivi solo per chi decide in fretta

Gli sconti ci saranno fino all’esaurimento dei fondi. Il che vuol dire che li otterrà chi arriva prima. Potrebbe diventare una vera e propria corsa all’incentivo, quella che si aprirà il 6 aprile con l’avvio delle misure di sostegno alla produzione varate dal governo venerdì. Quanto veloci bisognerà dunque essere per assicurarsi il bonus? Quanto dureranno gli incentivi? Stando ai primi calcoli chi ne vorrà usufruire non dovrà stare a pensarci su troppo. Secondo le previsioni fatte a botta calda dai rivenditori di motorini, la somma destinata al settore servirà ad agevolare al massimo 30 mila acquirenti e sarà esaurita entro 15-20 giorni. Per il comparto arredo, facendo una media i bonus da distribuire potrebbero interessare dalle 60 mila alle 100 mila famiglie, cioè, dice la FederlegnoArredo, una famiglia su tre di quelle che quest’anno decideranno di cambiare la cucina; facendo due conti  l’incentivo dovrebbe esaurirsi al massimo in quattro mesi.

Quanto?

CUCINA , FINO A 1.000 EURO SCONTO. E’ previsto un contributo, sotto forma di riduzione, “per il 10% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 1.000 euro, per la sostituzione dei mobili per cucina in uso con cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza”. 


– SCONTI PER LAVASTOVIGLIE E FORNI.
Se invece di cambiare la cucina si opterà per la sostituzione di un singolo elettrodomestico, è prevista una serie differenziata di sconti. La condizione è che si tratti di acquisti di elettrodomestici ad alta efficienza energetica e dotati delle più aggiornate misure di sicurezza.Per la sostituzione di lavastoviglie il contributo è pari al 20% fino a 130 euro (purché non inferiore alla classe A/A/A). Per i nuovi forni elettrici (non inferiori alla classe A) si arriva al 20% fino a 80 euro. Per i piani cottura (con dispositivo di sorveglianza della fiamma) 20% di sconto, fino a 80 euro. Per la sostituzione delle cappe con cappe climatizzate, il limite dell’incentivo è del 20% fino a 500 euro. Stessa percentuale, ma con un contributo massimo fino a 400 euro, anche per la sostituzione di scaldacqua elettrici con pompa di calore ad alta efficienza.

Informazione offerta da

www.areamobili.com