Il Museo del Legno di Montebelluna e la Biblioteca del Mobile di Lissone .. due chicche per gli appassionati del Mobile

Montebelluna (Treviso) si può trovare quello che probabilmente è il più cospicuo patrimonio ligneo in Europa, ordinato in Museo, esposto in spazi dedicati, anche se non ancora definitivi, data la grande quantità di reperti acquisiti. Una collezione che il finlandese Panu Kaila, annoverato tra i grandi esperti mondiali del settore, ha definito “Gli Uffizi del legno”.

La raccolta di questo materiale è frutto dell’attività quarantennale di Tarcisio Scandiuzzi, che parallelamente allo sviluppo della professione di esecutore di arredamenti di interni, ha percorso numerose aree ricche di tradizione e cultura nell’impiego del legno, selezionando e recuperando, in case e castelli d’Europa, una incalcolabile ricchezza di manufatti lignei.

Veri capolavori d’arte, sia per bellezza sia per tecnica costruttiva, raccontano la storia di un abitare fastoso, che continua ad essere ispirazione per generazioni di Architetti ed Interior Designers o, più semplicemente, per tutti coloro che desiderino dare al proprio abitare il contenuto di un sogno che non tramonterà mai.

Soffitti, stube, boiserie, travature, porte, mobili qualche volta simili ma mai uguali, attrezzi che ancor oggi stupiscono per la genialità creativa, intagli incredibili, capaci di dar vita a rappresentazioni di vita autentica o a sogni, in un museo che si fa impresa mano a mano che si ricrea tra committente ed artigiano la complicità per la realizzazione.

 

mobile, legno, museo legno, museo arredo, biblioteca lissone, arredo lissoneLissone (Monza e Brianza) Da sempre la Biblioteca del Mobile rappresenta un fiore all’occhiello non solo p per l’intera città di Lissone, si riallaccia alla vocazione specifica che ha determinato lo sviluppo dell’economia locale ed ha consentito l’evolversi di quello che era un piccolo borgo, un paese di tradizioni contadine, in una cittadina industriosa e fiorente, viva ed attiva, nota ed ammirata ovunque per l’operosità ed il talento dei propri artigiani.

La Biblioteca del Mobile attesta la volontà di ampliare e dare respiro a queste capacità innate, di sviluppare l’ambito di conoscenze che, sole, possono permettere all’economia lissonese di rimanere competitiva anche nel mondo contemporaneo, di conservare documenti e manufatti che attestino e tramandino la storia di una comunità con caratteristiche così originali.

La scelta di riservare uno spazio di grande rilievo, nell’ambito della nuova sede, alla Biblioteca del Mobile è quindi particolarmente significativa, e ne rivendica un ruolo di primo piano, l’obiettivo di diventare insostituibile punto di riferimento per gli operatori del settore in tutta l’area della Brianza.

Alla consultazione in sede dei documenti della Biblioteca del Mobile sono ammessi tutti gli utenti interessati, senza alcuna limitazione circa il numero o la tipologia dei documenti che è possibile richiedere; non è tuttavia consentito il prestito a domicilio.

Piazza IV Novembre, 2 Lissone

Tel.039.7397461 – Fax 039.7397281 – bibliotecadelmobile@comune.lissone.mi.it

Martedì 14.00 – 18.30
Venerdì e Sabato 9.30 – 12.30

 

AL PROSSIMO POST DA WWW.AREAMOBILI.COM

www.sartoriadeimobili.com

 

 

 

 

MOBILI IN LEGNO: abete, pino, acero, betulla, castagno, ciliegio, faggio, frassino, noce, teak, wenge

 ABETE

abete, pino, acero, castagno, ciliegio, betulla, faggio, frassino, noce, teak, wenge

cameretta in abete della ditta scandola

Si trova nelle regioni montuose di tutta Europa da 1200 a 2000 m di altitudine; fra le molte specie conosciute le più importanti sono l’abete bianco e l’abete rosso. In entrambe le specie la fibratura di solito è dritta; nonostante la facilità della lavorazione, il legno di abete è poco usato per la fabbricazione di serramenti interni e assolutamente da escludere per quelli esterni, essendo piuttosto vulnerabile agli attacchi dei funghi e degli insetti. Ottimo per la  realizzazione di arredi per interni.

 

 PINO SILVESTRE

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wenge

credenza in pino con alzatina

E’ presente in quasi tutta l’Europa del nord e in Italia in tutta la catena alpina; viene anche chiamato pino di Svezia. Viene soprattutto importato dalla Scandinavia e, grazie alla regolarità degli anelli e alla presenza di pochi nodi, trova largo impiego nella falegnameria, specialmente per la produzione di infissi e di elementi di arredo.

 

 

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wengeACERO                                      

Oltre a quello italiano viene utilizzato ampiamente quello dell’America settentrionale. Dotato di buone caratteristiche di lavorazione, viene usato per la costruzione di arredamenti d’interni, strumenti musicali e decorazioni.

 

 abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wenge

                    BETULLA

Forma interi boschi in Europa; in Italia è diffusa nelle foreste   alpine insieme a faggi e abeti. Presenta un legno di colore  bianco-giallastro-bruno; ha durezza e resistenza non eccessiva e   viene  usato in falegnameria per le ossature dei mobili, oggetti  torniti,  e per la fabbricazione dei compensati.

 

 

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wengeCILIEGIO                    

Il ciliegio ha un legno duro, poco pieghevole; viene utilizzato molto da  ebanisti, tornitori e falegnami per la somiglianza al legno di mogano grazie al suo colore rossiccio che gli operatori hanno imparato a mantenere a lungo passando il legno in acqua di calce.

 

 

                  CASTAGNOabete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wenge

Si tratta di una pianta molto diffusa, in Italia si trova in boschi immensi fino a 800-900 m di altitudine, mentre in altri paesi del Mediterraneo si spinge anche ad altitudini superiori; è un albero molto longevo (si conoscono esemplari di oltre mille anni).
Il legno, di colore giallognolo con venature scure, assomiglia a quello della quercia.
Viene usato in falegnameria per costruire mobili rustici, pali telefonici e per botti destinate alla conservazione dei vini.

 

 

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wengeFAGGIO                   

Diffuso in Italia nella zona pedemontana, è molto comune anche nell’Europa centrale. La lavorabilità è ottima ma è poco resistente all’umidità; è un legno molto pregiato, che si presta a essere utilizzato per mobili e arredamenti in genere, specie quelli che presentano elementi curvi.

 

 abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wenge

                      FRASSINO

Cresce sparso nei boschi di montagna, ed è diffuso in Italia e in tutta Europa. Ha un legno bianco-giallastro con riflessi verdastri, con anelli di accrescimento marcati.

 

    NOCE NAZIONALE

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wenge

Cucina Villa d’este Veneta cucine

E” LA PIANTA CHE PRODUCE LE NOCI ( DA NON CONFONDERE CON NOCE AMERICANO, NOCE TANGANIKA, NOCE AFRICANO ECC ECC) In Italia è presente in collina e nella zona di media montagna. Il legno ha un colore che varia dal bruno chiaro al marrone intenso con delle venature ad andamento ondulato che gli donano un aspetto pregevole. La tessitura fine e omogenea gli conferisce facile lavorabilità, ottima stabilitàe grande durata. E’ un legno pregiato, destinato a mobili e arredamenti, pavimenti, intagli, impiallacciature e porte interne.

 

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wengeTEAK                 

Proviene dalla Thailandia, Giava e Birmania; il legno presenta una colorazione bruno-dorata. La lavorabilità è ottima; viene usato per la costruzione di strutture estrerne , di mobili, pavimenti, serramenti, tranciati sfogliati e in torneria, imbarcazioni.

 

WENGE

abete,pino,acero,castagno,ciliegio,betulla,faggio,frassino,noce,teak,wenge

camera jesse in rovere tinto moro

Proviene dall’Africa tropicale occidentale; il legno è bruno-nerastro. Di lavorazione discretamente agevole, viene usato per decorazioni di arredamenti, pavimenti, scale, impiallacciature e tranciati. Negli ultimi dieci anni si è utilizzata la colorazione wenge su lastre di rovere; quindi attualmente si utilizza impropriamente il termine wenge per indicare il rovere tinto moro.

 

 VISIONATE I VOSTRI ARREDI  IN LEGNO DA:

DOMUS ARREDI

IL NOSTRO SITO:
www.areamobili.com

PER INFO E PREVENTIVI:
info@domusarredilissone.it

Napol.. per tutti coloro, che in camera da Letto, amano il moderno ma non troppo !! per chi ama il calore del legno e le linee morbide .. La risposta è la Camera NAPOL

napol camera cemi domus arredi.jpg
Modello Cemi La perfetta armonia delle curve del comò doppio Cemi si esalta anche con il vero legno Rovere Moro o ciliegio . Il letto Sori con la testiera curva a punto di domanda con cuscini in ecopelle o in stoffa sfoderabile  in tinta con il legno.
napol camera musa ciliegio domus arredi.jpg
Modello Musa – ciliegio o wengè od ancora laccato poro aperto bianco segnale.
La collezione Musa in ciliegio, è in un’interessantissima soluzione ad angolo, con il letto Clio-Zen dotato di piedini sagomati che rendono facile la pulizia sotto il box contenitore, accessibile da sopra tramite rete sollevabile.
Letto Clio-Zen, comò e comodini Musa.
RIVENDITORE AUTORIZZATO NAPOL
DOMUS ARREDI VIA PASCOLI, 39 LISSONE TEL 039794790
 
informazioni e preventivi: info@domusarredilissone.it

massello, tamburato o truciolare?

Legno Massello
Il legno massello è ottenuto direttamente dal tronco dell’albero. La struttura o le ante interamente in legno massello se da una parte valorizzano il prodotto, dall’altra non garantiscono stabilità dimensionale. Queste sue caratteristiche lo rendono sconsigliabile per strutture superiori ai 2 metri di altezza e adatto per mobili di piccole dimensioni.

 

 Tamburato
Il tamburato si compone di una struttura perimetrale (telaio) che contorna una struttura alveolare ed è controplaccata da pannelli.
Si caratterizza in modo piu’ o meno rilevante in relazione ai materiali utilizzati, per la leggerezza, la robustezza, la stabilità e la resistenza all’umidità.

 

  • Tamburato con telaio in legno massello e pannnello in compensato L’utilizzo del massello e del compensato permettono di offrire le massime performance in termini di leggerezza, stabilità, robustezza e resistenza all’umidità.Inoltre la leggerezza tipica di questo tamburato permette alle cerniere o ai meccanismi di essere poco sollecitati.Il fatto comunque che perni e congiunzioni lavorino sul massello garantisce ottima stabilità e robustezza.
  • Tamburato con telaio in legno massello e pannelli in truciolare o mdf Pur rimanendo un ottimo prodotto, l’utilizzo del truciolare o dell’mdf non permettono la massima leggerezza. Il fatto comunque che perni e congiunzioni lavorino sul massello garantisce ottima stabilità e robustezza.
  • Tamburato con telaio e pannelli in truciolareL’utilizzo del truciolare attenua i vantaggi del tamburato in termini di leggerezza, stabilità, robustezza e resistenza

Truciolare

è il nome con cui comunemente vengono indicati i pannelli in fibra di legno composti di trucioli risultanti dallo scarto delle normali lavorazioni del legno.I trucioli vengono impastati con materiali leganti e quindi pressati per produrre i pannelli; i pannelli ottenuti possono essere di diversi tipi a seconda del tipo di truciolo

 

Multistrato

Il multistrato è un pannello molto resistente formato da 5 o più fogli di legno incollati a fibre incrociate con colle idrorepellenti  Ha elevate caratteristiche igroscopiche cioè la caratteristica di assorbire ed espellere l’umidità

Mdf

L’Mdf – Pannello di fibre a media densità (Medium Density Fiber Board) è un materiale composto da fibre di legno proveniente da scarti di lavorazioni e ramaglie. Tali fibre, ottenute da apposite lavorazioni, vengono legate tra loro da collanti termoindurenti. L’Mdf ha ottima stabilità e compattezza, ma scarsa resistenza all’umidità.

Impiallacciatura

L’impiallacciatura è un foglio  di essenza di legno ottenuto per tranciatura. Allo scopo si usano quasi tutte le specie di legno; trattandosi di un materiale naturale, venature e sfumature sono sempre diverse tra loro.

Laminato

Il laminato  è un materiale costituito da strati di materiale fibroso  impregnato di resine termoindurenti, con una o entrambe le superfici esterne caratterizzate da colori.

Melaminico

E’ una pellicola di carta impregnata con resine melaminiche. Generalmente  di spessore 0,1/0,2 mm, riveste pannelli da verniciare o utilizzare per fianchi, schienali e altre parti interne ed esterne . Generalmente imita perfettamente la venatura del legno ed è tratabile con tutti i colori. 

 

Durante la visita presso il nostro show-room di Lissone Via Pascoli, 39 saremo lieti di mostarvi di persona materiali e differenze per aiutarvi nella scelta della soluzione più adatta alle vostre esigenze. www.domusarredilissone.it