Come smaltire le Lampadine Fluorescente a basso consumo

ecolamp.jpg

Ecolamp (il consorzio per il recupero e smaltimento di apparecchiature di illuminazione) allo scopo di far conoscere agli italiani il corretto comportamento da adottare nel momento in cui abbiano in casa una lampadina fluorescente a basso consumo esaurita ha organizzato un tour nelle piazze italiane:

Parma dal 22 al 27 settembre
Milano dal 29 settembre al 4 ottobre
Torino dal 6 all’11 ottobre
Padova dal 13 al 18 ottobre
Venezia – Mestre dal 20 al 25 ottobre
Rimini dal 27 ottobre al 1 novembre
Ancona dal 3 all’8 novembre
Firenze dal 10 al 15 novembre
Roma dal 17 al 22 novembre
Napoli dal 24 al 29 novembre
Bari dall’1 al 6 dicembre

La mostra “Lamp&RiLamp” ha come tema centrale il percorso della lampadina fluorescente, che alla fine del ciclo di vita viene spesso erroneamente gettata nel vetro o nel sacco indifferenziato.
Le sorgenti luminose a basso consumo contengono in realtà sostanze pericolose, come il mercurio, dannose sia per l’uomo che per l’ambiente. Per questo è necessario avere cura delle lampade esaurite, consegnarle integre presso l’isola ecologica più vicina e riporle con cautela negli appositi contenitori verdi Ecolamp.
Ecolamp, il principale consorzio senza scopo di lucro per la raccolta e lo smaltimento di apparecchiature di illuminazione, costituito nel 2004 dalle principali aziende nazionali ed internazionali del settore illuminotecnico, gestisce in tutto il Paese un servizio di ritiro, trasporto e trattamento delle apparecchiature di illuminazione a fine vita.
Il Consorzio ad oggi offre i propri servizi ad oltre 2.000 centri di raccolta comunali in tutta Italia e ha provveduto a fornire oltre 6.000 contenitori in comodato d’uso gratuito da posizionare nelle isole ecologiche per un investimento totale di 1,5 milioni di euro. _Per maggiori informazioni visitate il sito http://www.ecolamp.it

TRITA RIFIUTI… UNA SOLUZIONE DA VALUTARE

564e5f4e44c0c1f987f434b2d770e088.jpg

Il tritarifiuti o più tecnicamente il dissipatore di rifiuti alimentari è un piccolo elettrodomestico inventato nel lontano 1927 dall’architetto americano John Hammes. Viene solitamente applicato sotto il lavello della cucina. I rifiuti alimentari gettati nello scarico, vengono sminuzzati in piccolissime particelle dal dissipatore e poi convogliati nello scarico dell’acqua corrente e quindi direttamente nella rete fognaria. Il tritarifiuti può essere considerato certamente un ottimo aiuto per lo smaltimento dell’umido. nel nostro paese i dissipatori sono ancora poco noti

TUTI I PRO

  • RISPARMIO NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI
  • MOLTA PIU’ IGIENE, SOPRATTUTTO NEI MESI CALDI

 

TUTI I CONTRO

  • LEGGERO AUMENTO DI CONSUMO DI ACQUA E ENERGIA
  • POSSIBILI INTASAMENTI NEGLI SCARICHI DI CASE DI VECCHIA COSTRUZIONE

 informazioni offerte da:

Domus arredi Via Pascoli 39 Lissone (milano) tel 039794790 preventivi e informazioni info@domusarredilissone.it

scegli la tua cucina visitando www.areamobili.com  www.domusarredilissone.it